zucchine ripiene

Ricetta zucchine ripiene

Molto facili da preparare, le zucchine ripiene fanno parte della cucina mediterranea. Ricetta tipica pugliese e di tutto il Sud Italia in generale, potete trovarle nel menù di molti ristoranti. Semplici e gustose, questo piatto è perfetto per la dieta vegetariana e si presenta come un ottimo secondo.

Ingredienti (x4 persone):

  • 4 zucchine
  • 250g di pane raffermo
  • 100g di pecorino romano grattugiato
  • 1 spicchio d’aglio
  • Prezzemolo tritato
  • 2 uova
  • 7-8 pomodorini pachino
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione:

  1. Prendete un tagliere e tagliate le zucchine per lungo, dividendole in due parti.
  2. Aiutandovi con un cucchiaio togliete la polpa dalle zucchine e versatela in un contenitore. Le zucchine dovranno assumere la forma di barchette.
  3. Prendete del pane raffermo a mettetelo a bagno in una ciotola con dell’acqua a temperatura ambiente. Quando il avrà assorbito l’acqua e sarà diventato morbido, potete aggiungerlo al contenitore con la polpa di zucchine.
  4. Aggiungete il formaggio grattugiato al composto, uno spicchio d’aglio tritato, il prezzemolo, ed infine le uova. Non dimenticate il sale e il pepe.
  5. Mescolate fino a che gli ingredienti non si amalgamino per bene. Quando il composto risulterà omogeneo e compatto, avrete finito. L’impasto per il ripieno è pronto.
  6. A questo punto potete cominciare ad accendere il forno e farlo riscaldare. Va bene a 180°.
  7. Prendete una teglia bassa da forno e aggiungete al suo interno i pomodorini pachino tagliati in due.
  8. Ora, prendete le zucchine a barchetta che avete preparato e “riempitele” con l’impasto. Schiacciate per bene e cercate di fare una specie di mucchietto rialzato. Non esagerate con l’impasto, basterà alzarlo di 1-2 cm o farlo arrivare in linea con la zucchina. Come preferite.
  9. Infornate a 180° e fate cuocere per 15-20 min circa.
profumo di limone

Risotto al profumo di limone

Il risotto al profumo di limone è un piatto raffinato, molto semplice da preparare. Perfetto per una serata in compagnia, con questo piatto di sicuro non deluderete i vostri ospiti. Dal sapore delicato, è molto in voga tra gli chef della Costiera Amalfitana, da Vietri fino a Positano e Sorrento, avrete modo di assaggiare questo piatto.

Viene realizzato con i famosi limoni della costiera e è diventato ormai un piatto tipico della zona. Semplice, gustoso e raffinato.

Ingredienti (x4 persone):

  • 400g riso tipo “carnaroli”
  • 2 noci di burro
  • Succo di limone
  • Buccia di limone grattugiata
  • 1l di brodo vegetale
  • 70-80g parmigiano grattugiato
  • Prezzemolo q.b.
  • Sale q.b.

Preparazione:

  1. Prendete un limone intero, spremetelo e tenete da parte il succo. Poi, grattugiate la buccia facendo attenzione a non grattugiare anche la parte bianca, risulterà molto amara. In poche parole, prendete solo il giallo della buccia.
  2. Prendete una pentola, versategli dell’acqua e aggiungetegli un dado vegetale. Portate ad ebollizione, poi mescolate e spegnete.
  3. A questo punto prendete una pentola antiaderente e mettetela sul fuoco a fiamma medio-bassa.
  4. Aggiungete le noci di burro e il succo di limone. Fate sciogliere per bene il burro.
  5. Quando il burro si sarà sciolto del tutto, aggiungete il riso nella pentola e lasciate tostare.
  6. Dopo qualche minuto potete cominciare ad aggiungere del brodo vegetale, ogni qualvolta il riso sta per attaccarsi. Non mescolate ma lasciate il riso così com’è.
  7. Quando i chicchi di riso si saranno ingranditi, salate e aggiungete la buccia di limone grattugiata.
  8. Dopo qualche minuto aggiungete anche il parmigiano grattugiato e mantecate. Il riso diventerà più omogeneo e compatto.
  9. Spegnete la fiamma ed aggiungete del prezzemolo fresco tritato.
  10. Il risotto al profumo di limone è pronto. Servite caldo, in piatto piano.
polpette di tofu

Polpette di tofu, pomodori secchi e olive

Questo piatto vegano è semplice da realizzare oltre che ad essere molto saporito. Quasi tutti amano le polpette e con questa ricetta vogliamo proporvi una rivisitazione di quella classica. Con tofu, pomodori secchi ed olive si rendono perfette per la dieta vegana, sono gustose e dal retrogusto particolare.

Ingredienti :

  • 400g di pane raffermo
  • 100g di pomodori secchi
  • 70-80g di olive nere denocciolate
  • 100g tofu
  • 200g di lenticchie
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Olio di semi

Preparazione :

  1. Per prima cosa dovrete cuocere le lenticchie per circa 40 min in una pentola con acqua, sciacquarle con acqua corrente e poi usarle. Potete evitare questo passaggio se usate delle lenticchie in scatole, precotte.
  2. Prendete un tagliere e tagliate i pomodori secchi in piccoli pezzi. Dopodiché tagliate in due le olive denocciolate.
  3. Prendete un recipiente e mettete a bagno il pane raffermo. Quando si sarà ammorbidito per bene, prendetelo, strizzatelo e poi ponetelo in un contenitore a parte.
  4. Nel contenitore aggiungete le lenticchie, i pomodori secchi, le olive, il tofu ed infine sale e pepe. Mescolate energicamente fino a quando il composto diventerà compatto ed omogeneo.
  5. Una volta che l’impasto delle polpette sarà pronto, prendete una padella antiaderente e aggiungetegli abbondante olio di semi. Mettetela a fuoco medio-alto.
  6. Quando l’olio arriverà a temperatura e sarà pronto per friggere, dovrete staccare dei piccoli pezzi dall’impasto e maneggiarli tra le mani come a formare una pallina.
  7. Versateli nell’olio bollente e lasciate friggere.
  8. Quando il primo lato sarà pronto, potete girarle dall’altro lato. Basteranno 2-3 min. per lato, anche meno se l’olio è bollente.
  9. In alternativa potete usare una friggitrice, caricarle nel cestello ed immergerle nell’olio.
  10. In tutte e due i casi, dopo la cottura dovrete porli su della carta assorbente ed asciugarli.
  11. Le polpette vegane tofu, pomodori secchi e olive sono pronte !
estrattore succo

Come preparare un estratto di succo

Sei pronto e preparare il tuo estratto di succo? È un modo semplice per ottenere più nutrienti grazie a frutta e verdura nella tua dieta.

Prima di iniziare, dovresti sapere alcune cose su ciò che puoi aspettarti dagli estrattori di succo.

Il più grande vantaggio di avere un estrattore

Se non sei abituato a mangiare frutta e verdura l’estrattore è senza dubbio un ottimo modo per integrarli.

Cerca di assumere due frutti interi e tre o quattro verdure al giorno se scegli di intraprendere la strada dell’estrazione di succo, avrai in questo modo il vantaggio di poterli consumare tutti insieme ottenendo un gusto unico e non spiacevole. Sceglili in diversi colori, in modo da ottenere un buon mix di vitamine e minerali appartenenti a classi di nutrienti differenti.

Fattore fibra

Quando si prepara del succo estratto manca l’assunzione di fibra. Queste macchina da spremitura in effetti estraggono il succo e lasciano dentro la polpa, che ha fibre, che successivamente fuoriesce da un altro beccuccio.

Per non perdere la fibra, puoi aggiungere un po ‘di polpa scartata nel succo o usarla in cucina.

Hai dunque bisogno di un estrattore di succo?

Gli estrattori (talvolta confusi con le centrifughe anche se è vero che in alcuni specifici casi i termini possono essere combinato) possono essere costosi, da € 50 a € 400. Alcuni di questi estrattori, soprattutto quelli più costosi e di conseguenza più accurati distruggeranno gran parte del frutto macinando il nucleo, la buccia e i semi e lasciando fuoriuscire davvero solo il liquido. Per avere una panoramica dei migliori online guarda la guida agli estrattori di succo di Icedreams.it.

Potresti non aver bisogno di un estrattore per il succo, lo sai?. È possibile utilizzare un frullatore per la maggior parte dei frutti o vegetali interi per mantenere la fibra. Aggiungi acqua se utilizzando un frullatore il preparato diventa troppo denso. Ti consigliamo di rimuovere semi e bucce e alcune pelli, qualora fosse possibile, prima di mettere in moto il frullatore.

Ad ogni modo, se sei qui è perché in effetti volevi un estrattore, dunque, è importante sapere che: una volta che il tuo succo è pronto sarà meglio berlo lo stesso giorno, per la sicurezza alimentare.

Guarda le calorie

Quante calorie ci sono nel tuo succo? Dipende da cosa c’è dentro!

“Se usi le verdure per il succo, le calorie sono molto inferiori rispetto a se usi frutti: se usi principalmente verdure, aggiungi una mela o un kiwi per il gusto e fallo lontano dai pasti per non aumentare il tuo picco glicemico. Se è puro succo di frutta, invece, puoi rendere il tuo succo più equilibrato aggiungendo proteine. Alcune buone fonti sono latte di mandorle, yogurt greco, semi di lino e burro di arachidi.

Il succo per perdita di peso e pulizia

Il succo potrebbe sembrare un modo semplice per perdere peso ma può ritorcersi contro.

Con una dieta a base di succo, potresti non avere abbastanza fibre o proteine ​​per saziarti e in un certo qual modo addirittura sopravvivere. Il tuo corpo potrebbe realmente non farcela.

Se stai facendo una dieta a base di juicing, sarai così tentato di mangiare qualcosa come una torta o una ciambella perché ti sei limitato che resistere alla tentazione sarà davvero duro.

Non assumere abbastanza proteine ​​potrebbe anche significare perdere la massa muscolare. In linea di massima va tenuto presente che l’esagerazione è un male in tutto.

Che dire dello spremitura e riduzione in succo, allora, al fine di disintossicare l’organismo?

Il tuo fegato e i tuoi reni si prendono cura di te e per far sì che questo processo continui indisturbato ogni tanto vanno aiutati. Sono moltissimi i suggerimento online riguardo l’opportunità di purificarsi utilizzando i succhi e gli estratti e alcuni in effetti hanno anche fondamento scientifico, tuttavia ritrovabile non specificamente e limitatamente alla loro assunzione quanto alla loro assunzione non concomitante alla normale dieta per cui il corpo venga privato per un breve-medio periodo da alimenti notoriamente pesanti e producenti scoria (eccesso di proteine animali, zuccheri e carboidrati complessi).

Altre indicazioni sulla salute

Una dieta a base vegetale è legata a un minor rischio di malattie cardiache o cancro, e questo è ormai noto. Tuttavia la ricerca non è stata ancora spinta sul versante “estratti di frutta e verdura”.

C’è qualche ricerca sulla spremitura e sul sistema immunitario. Ma i benefici ottenuti sul sistema immunitario derivano probabilmente dal consumo di frutta e verdura in senso ampio, sia che si tratti di succo o meno, non essendo ancora stati condotti studi al fine di smentire questa variabile non possiamo in effetti esprimere o riportare un parere ufficiale.

Per esempio, grandi quantità di cibi ricchi di vitamina K, come cavoli e spinaci, possono cambiare il funzionamento del warfarin (un noto diluente del sangue), ragion per cui l’integrazione alimentare concentrata di succhi ed estratti di frutta e verdura, specialmente se altamente specifiche, andrebbe comunque monitorata da personale medico competente.

Lasagna Vegetariana

Ricetta Lasagna Bianca Vegetariana

Siete stufi della solita lasagna ? Oggi vi presentiamo un’alternativa a quella classica (rossa), fatta senza sugo ma con panna e besciamella. Facile da preparare come la lasagna classica, il procedimento è lo stesso ma con l’aggiunta di nuovi ingredienti come le verdure.

Ingredienti (x4 persone):

  • 250g di lasagne
  • 1l di besciamella
  • 250 ml di panna da cucina
  • 500g di mozzarella
  • 100g di parmigiano grattugiato
  • 1 melanzana
  • 1 peperone
  • 1 zucchina
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Basilico
  • Olio

Preparazione :

  1. Prendete un tagliere e tagliate in piccoli quadratini la melanzana, il peperone e la zucchina. Dovete fare dei pezzi molto piccoli.
  2. Prendete una pentola antiaderente, aggiungete un filo d’olio extravergine d’oliva e mettete sul fuoco a fiamma media. Dopo qualche secondo aggiungete uno spicchio d’aglio schiacciato e le verdure. Fate cuocere per 10 minuti circa.
  3. Quando le verdure saranno diventate morbide ed avranno preso colore, togliete lo spicchio d’aglio e spegnete. Fate raffreddare per qualche minuto.
  4. Nel frattempo prendete un contenitore e versategli la besciamella e la panna.
  5. A questo punto unite le verdure al contenitore con la salsa bianca, aggiungete sale e pepe, e per finire del basilico spezzettato. Mescolate il tutto.
  6. Prendete una teglia da forno con bordi alti e cominciate con un mestolo di salsa bianca. Ponetegli sopra lo strato di lasagna lungo tutta la teglia, ricordandovi di lasciare sempre un pò di spazio perché durante la cottura la lasagna si ingrandisce.
  7. Ora dovrete versare un altro mestolo di salsa bianca, la mozzarella (che avete tagliato a pezzettini) e per finire il formaggio grattugiato. Ripetete questa operazione fino a che avrete finito gli ingredienti. Ricordate che potrebbero andare bene 4 strati, a seconda dei vostri gusti.
  8. Arrivati all’ultimo strato di lasagna non vi resta che infornarla. Non aggiungete pane grattugiato o altro, va bene così.
  9. Infornate a 180° per circa 45-50 minuti.